Questo sito utilizza solo cookie necessari per la fruizione dei contenuti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Avviso pubblico per la selezione di proposte progettuali di sperimentazione e ricerca applicata

Avviso - Modifica graduatoria 19 settembre 2023

Pubblicata la graduatoria definitiva aggiornata al 21.9.2023. Tale graduatoria sostituisce la precedente, approvata con decreto direttoriale del 19.9.2023.

Chiusura

I termini per la presentazione delle domande sono scaduti il 20 giugno 2023.

Pubblicata la graduatoria finale delle proposte progettuali.

Errata corrige 

Si informa che nel testo dell’Avviso pubblico del 17 marzo 2023, al punto 1. "FINALITA’ E OBIETTIVI DELL’AVVISO" la dicitura “Gli interventi dovranno prevedere lo sviluppo di servizi e soluzioni che ricadano nei seguenti ambiti: industria dell’audiovisivo, industrie creative e gaming, tutela e valorizzazione del made in Italy” deve intendersi sostituita con la corretta dicitura “Gli interventi dovranno prevedere lo sviluppo di servizi e soluzioni che ricadano nei seguenti ambiti: industria dell’audiovisivo, industrie creative e gaming, tutela e valorizzazione del made in Italy nell’ambito dei sopracitati settori.”, ed  al punto 4. "CONTENUTO DELLE PROPOSTE PROGETTUALI” la dicitura “la descrizione dell’ambito di applicazione relativo all’industria dell’audiovisivo, alle industrie creative e gaming, alla tutela e valorizzazione del made in Italy e le modalità di realizzazione dell’intervento;” deve intendersi sostituita con la corretta dicitura “la descrizione dell’ambito di applicazione relativo all’industria dell’audiovisivo, alle industrie creative e gaming, alla tutela e valorizzazione del made in Italy nell’ambito dei sopracitati settori e le modalità di realizzazione dell’intervento”.
In ragione di quanto sopra, all’interno dell’Avviso al punto 7 "TERMINE E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE" la data “19 maggio 2023” deve intendersi sostituita con la data “20 giugno 2023” ed il termine di 60 giorni di cui al punto 9 è sostituito in 90 giorni.

Cos'è

Il Programma di supporto alle tecnologie 5G promuove il miglioramento dei servizi attraverso l’adozione di nuove tecnologie quali Blockchain, Intelligenza Artificiale, Internet delle cose (IoT), Edge computing e Tecnologie quantistiche, attraverso centri di trasferimento tecnologico (le "Case delle tecnologie emergenti") per far confluire le competenze delle università con le richieste del mercato.

Con decreto ministeriale del 21 novembre 2022 il Ministero ha avviato la promozione sul territorio nazionale di progetti di sperimentazione, in continuità con quanto previsto dal decreto ministeriale del 26 marzo 2019, rivolti allo sviluppo di prodotti, processi, servizi o modelli di business e organizzativi innovativi realizzati attraverso le tecnologie emergenti, grazie all’uso e allo sviluppo delle reti mobili ultra veloci (5G) e alla ricerca sulle reti mobili di nuova generazione (6G).

 

Chi può partecipare

Gli interventi sono rivolti agli Enti Pubblici, in qualità di capofila. È indispensabile la partecipazione al progettodi almeno un soggetto per ciascuna delle seguenti categorie:

  • Università pubblica o privata e/o Ente e Centro di Ricerca pubblico o privato;
  • Impresa, PMI e/o start up costituite, italiane o estere, con una sede operativa sul territorio italiano.

Non potranno partecipare alla selezione gli aggiudicatari già beneficiari dei precedenti bandi di cui ai decreti 26 marzo 2019 e 17 ottobre 2022 (vedi Programma di supporto alle tecnologie emergenti 5G).

 

Risorse finanziarie

Gli interventi sono finanziati per un ammontare complessivo di 11 milioni di euro a valere sulle risorse del Piano di Sviluppo e Coesione 2014- 2020 di cui alla Delibera CIPESS n.9/2021 che approva il Piano di sviluppo e coesione del Ministero.

 

Domanda di partecipazione

La domanda di partecipazione deve essere redatta secondo le modalità previse nell’Avviso pubblico del 17 marzo 2023, utilizzando il format “Domanda di partecipazione”.

La domanda, corredata di tutti gli allegati, deve essere inviata tramite posta elettronica certificata all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e dovrà essere presentata entro le ore 12 del 20 giugno 2023.

Qualora la domanda dovesse risultare di peso considerevole da non permettere l’invio tramite PEC, può essere inviata, in formato cartaceo oppure su supporto digitale, tramite posta o corriere, all’indirizzo:

Ministero dello Sviluppo Economico
Direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali
Divisione I
Viale America 201, 00144 Roma

In alternativa, il plico può essere consegnato a mano presso il Ministero, Direzione Generale per i Servizi di Comunicazione Elettronica, Radiodiffusioni e Postali, Viale America 201 - Roma, Divisione I, quinto piano, stanza A537.

 

Informazioni e chiarimenti

Eventuali richieste di informazioni e chiarimenti potranno essere formulate all’indirizzo PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., fino al 21 aprile 2023.

Le risposte verranno pubblicate sul sito internet del Ministero entro il 5 maggio 2023.

 


Risposte


 

Procedura

Il Ministero, avvalendosi di un’apposita Commissione, procederà alla valutazione delle proposte progettuali secondo quanto stabilito nell’avviso pubblico del 17 marzo 2023 nel quale vengono determinati criteri e modalità di ammissione al finanziamento delle proposte pervenute.

L’istruttoria si concluderà entro 90 giorni dalla data di chiusura dell’Avviso con una graduatoria approvata dal MIMIT che pubblicata sul sito del Ministero.

Responsabile Unico del Procedimento è la Dott.ssa Donatella Proto.

 

Documenti

 

Vedi anche

 

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina