Questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari per la fruizione dei contenuti. Per maggiori informazioni leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali.

Privacy Policy
Governo italiano
Seguici su
Cerca

Incontri con il Presidente Afwerki e con cinque ministri

Il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, è da oggi in missione in Eritrea, dove resterà fino a mercoledì 26 giugno.

Nel corso della sua visita ufficiale, che segue le recenti missioni in Algeria, Egitto, Libia e Tunisia nel quadro del Piano Mattei, il ministro Urso incontrerà oggi il Presidente eritreo Isaias Afwerki e alcuni ministri del governo: quello degli Esteri, del Commercio e dell’Industria, dei Trasporti e delle Telecomunicazioni e della Sanità, oltre al Commissario alla Cultura e allo Sport.

La visita segue quella del Presidente Afwerki a Roma lo scorso gennaio, ricevuto in bilaterale dal presidente del Consiglio Giorgia Meloni, e alle aperture al governo eritreo al Vertice Italia-Africa, al quale hanno partecipato capi di governo e di Stato di gran parte dei Paesi Africani.

La missione si concentrerà su una serie di dossier riguardanti le relazioni bilaterali e le attività delle imprese italiane in alcuni settori produttivi, tra cui sanità, infrastrutture, logistica portuale, trasporto aereo, energie rinnovabili, attività minerarie, tessile, agricoltura e agroalimentare.

Nell’ambito della sua missione, è prevista la visita del ministro Urso all’azienda tessile italiana ZaEr-Dolce Vita, alla “Casa degli Italiani” e alla mostra fotografica “Annulliamo la Distanza – ANLADI”.

Urso è accompagnato da una delegazione di grandi imprese italiane composta anche da Enel, Fincantieri, Ferrovie dello Stato e Bonifiche Ferraresi. Presente, inoltre, il responsabile della telemedicina del Policlinico “Agostino Gemelli” per valutare l’avvio di nuove iniziative a beneficio della popolazione locale.

Eritrea e Italia hanno storicamente un forte legame culturale e politico: l’uso della lingua italiana è ancora ampiamente diffuso, così come sono forti le influenze architettoniche e artistiche. L’Italia è il secondo maggior fornitore per l’Eritrea e il nono mercato di destinazione per l’export eritreo.

 

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina