Questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari per la fruizione dei contenuti. Per maggiori informazioni leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali.

Privacy Policy
Governo italiano
Seguici su
Cerca

In questa pagina sono riportati i principali adempimenti a carico degli operatori di rete televisivi.

 

Determinazione dei contributi per i diritti d’uso delle frequenze digitali per gli anni 2022 e 2023

Avviso

Si rende noto che è in corso la revisione del d.m. 17 aprile 2023 recante “Determinazione dei contributi per i diritti d’uso delle frequenze digitali per gli anni 2022 e 2023 ai sensi di quanto previsto dall'articolo 1, commi da 172 a 176, della legge 28 dicembre 2015, n. 208”. In ragione del presente avviso, gli operatori di rete locali e nazionali non sono tenuti al rispetto delle scadenze relative alle annualità 2022 e 2023 contenute nel medesimo decreto.

Il decreto 17 aprile 2023 determina l’importo del contributo annuale dovuto dagli operatori di rete nazionali per i diritti d’uso delle frequenze digitali per gli anni 2022 e 2023 ai sensi di quanto previsto dall'articolo 1, commi da 172 a 176, della legge 28 dicembre 2015, n. 208.

Anno 2022
Il contributo dovrà essere corrisposto entro l’8 settembre 2023

Scadenza richiesta sconti per il 2022
Gli operatori di rete interessati dovranno presentare entro il 9 agosto 2023 le dichiarazioni attestanti gli elementi e i dati che giustificano il diritto allo sconto per il contributo relativo all’anno 2022, via PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Tali dichiarazioni saranno soggette a successivi controlli da parte del Ministero.

Anno 2023
Il contributo dovrà essere corrisposto entro il 30 settembre 2024.

Scadenza richiesta sconti per il 2023
gli operatori di rete interessati dovranno presentare entro il 30 luglio 2024 le dichiarazioni attestanti gli elementi e i dati che giustificano il diritto allo sconto per il contributo relativo all’anno 2023, via PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Tali dichiarazioni saranno soggette a successivi controlli da parte del Ministero.

Rateizzazione
Per i contributi dovuti da ogni singolo operatore di rete, di valore superiore ai 60 mila euro, è possibile chiedere una rateazione, per entrambe le annualità, fino a quattro rate trimestrali di pari importo.
Annualità 2022: decorrenza pagamento della prima rata: 8 settembre 2023.
Annualità 2023: decorrenza pagamento della prima rata: 30 settembre 2024.
Entro tali date dovranno essere inviate alla casella PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. le richieste del rappresentante legale della società attestante la volontà di avvalersi della rateizzazione, secondo il modello dedicato.

Il pagamento dei contributi va effettuato mediante bonifico bancario IBAN: IT 30N 01000 03245 344 0 18 2569 01, intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Viterbo con la seguente causale obbligatoria: “Società:……… contributi diritti d’uso anno…….da affluire al CAPO XVIII CAPITOLO 2569 ART. 1.
Copia del pagamento deve essere trasmessa all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

31 gennaio

Pagamento diritti amministrativi

L’art. 16, comma 1, nuovo del Codice delle Comunicazioni elettroniche, adottato con DLgs 207 del 2021, e l’art. 1bis dell’allegato 12 al medesimo decreto legislativo (ex art. 34, all.to 10 - Codice delle Comunicazioni elettroniche Dlgs. 259/2003 e s.m.i) prevedono il pagamento dei diritti amministrativi da parte degli operatori di rete televisiva, compreso l'anno a partire dal quale decorre l'autorizzazione generale, entro il 31 gennaio di ogni anno, secondo le modalità già riportate nella circolare ministeriale esplicativa del 22 dicembre 2015.

Il pagamento va effettuato sulla base delle autorizzazioni in essere al 31 dicembre dell’anno precedente, mediante bonifico bancario IBAN: IT 30N 01000 03245 344 0 18 2569 01, intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Viterbo con la seguente causale obbligatoria: diritti amministrativi anno … da affluire al CAPO XVIII CAPITOLO 2569 ART. 1.

Per gli operatori di rete locali è obbligatorio indicare nella causale l’Identificativo della rete e la Regione.

Non è prevista alcuna esenzione.

Gli operatori di rete che hanno comunicato di aver ottemperato nei tempi prescritti agli obblighi di rilascio, nel 2022 non sono tenuti al pagamento dei diritti amministrativi per l’anno 2023.

Le attestazioni di pagamento devono essere inviate alla casella

  • pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

31 gennaio

Pagamento contributo per i collegamenti in ponte radio 

L’art. 2bis dell’allegato 12 al nuovo Codice delle Comunicazioni elettroniche adottato con DLgs 207/2021 (ex art. 2bis dell’allegato 10 al previgente Codice Dlgs. 259/2003 e s.m.i) prevede il pagamento dei contributi per l’utilizzo delle frequenze dei ponti di collegamento da parte degli operatori di rete televisiva.

La circolare ministeriale esplicativa del 22 dicembre 2015 stabilisce la scadenza del pagamento il 31 gennaio di ogni anno.

Il pagamento va effettuato sulla base dei collegamenti oggetto di autorizzazioni in essere al 31 dicembre dell’anno precedente, in rapporto al numero dei mesi di effettivo utilizzo, mediante bonifico bancario IBAN: IT 30N 01000 03245 344 0 18 2569 01, intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Viterbo con la seguente causale obbligatoria: Soc .... ponti di collegamento anno … da affluire al CAPO XVIII CAPITOLO 2569 ART. 1.

Per gli operatori di rete locali è obbligatorio indicare nella causale l’Identificativo della rete.

Non è prevista alcuna esenzione.

Le attestazioni di pagamento devono essere inviate alla casella

  • pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si raccomanda la trasmissione del prospetto relativo alla consistenza delle tratte in ponte radio da parte degli operatori che non abbiano già provveduto, utilizzando lo schema presente fra gli allegati.

     

Allegati

 

 

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina